Monthly Model

Mother Mary è la Monthly Model di Club & Kitan Club di Novembre (*). Di lei però scriveremo ancora molto e pubblicheremo tante fotografie perché ha partecipato e parteciperà ai set de I Bizarri Anni '50 sia come alter-ego della bellissima moglie di John Willie, Holly Anna Faram, sia come modella per il leather bondage, tra catene, pelle e cuoio.
Delle signore non si dice mai l'età ma una cosa di Mother Mary è assolutamente certa: avrà sedici anni fino al suo sessantesimo compleanno. Una persona assolutamente splendida, a suo agio sui set fetish e bondage, è stata anche una compagna di viaggio nella creazione delle scene: impagabile e impareggiabile ha impegnato il suo fisico fino a limiti che poche persone possono sperare di raggiungere, tenendo pose complicate e scomode fino al dolore con il sorriso sulle labbra o con quella deliziosa smorfietta di sofferenza e sfida (chi sa quanto finta e quanto vera) che potrebbe fare impazzire di piacere un sadico. Mary è molto più di una semplice "modella fetish", è una persona garbata e distinta, una vera Dama tatuata, appassionata di corde e di bondage, di vestitini vintage (che indossa con disinvolta e scanzonata aria da pin up anni 40-50) perfettamente a suo agio sia su tacchi vertiginosi di stivaletti impossibili (che sa indossare con grazia anche quando è legata)  sia a piedi nudi sul freddo parquet dello studio fotografico. Unico "difetto" di Mother Mary (ma questo è un nostro problema, non suo) è la sua residenza un po' fuori dalla portata delle nostre macchine fotografiche e, quindi, la necessità di programmare con ampio anticipo la sua partecipazione ai nostri set. Ma, vi assicuro, dato il risultato dei primi tre shooting non ci lasceremo scappare l'occasione di coinvolgerla tante più volte possibile per vostra (e soprattutto) nostra felicità. La sua pagina IG è: https://www.instagram.com/mother_mary91_/
(*)Ropes: Mauro Lacqua

Preview Last month's model

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子

Preview Monthly Model

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
Mother Mary
Mother Mary
Mother Mary
Mother Mary
Mother Mary
Mother Mary
Mother Mary
Mother Mary
Mother Mary
Mother Mary

From the Editor's Dungeon

Siamo tornati ...

2019 11 editorialeCiao! Siamo tornati!! Sì, abbiamo saltato un mese (e che mese) denso di lavoro per la sistemazione del nuovo studio fotografico e, infine, siamo di nuovo qui e quasi in pari con l'aggiornamento del sito.

Quindi ottobre è trascorso (nostra colpa) senza aggiornamenti dei monthly set e senza la presentazione di una monthly model ma non senza operare, dietro le quinte, per rendere il magazine sempre più vivo e sempre più vivace.

Stiamo ancora postproducendo la nuova serie di foto della monthly model (abbiate pazienza, non ve ne pentirete!!) ma vogliamo fare il punto della situazione e lo facciamo prima con quello che abbiamo fatto.

Un articolo di Fulvio Brumatti (Mappamondi in fiamme #4) aspettava da qualche mese di vedere la luce perché l'Editore (io me) ha preteso che fosse accompagnato da un set fotografico originale il cui storyboard fosse ricavato dal racconto di Vinicio che nell'articolo è presentato.

Non è come dirlo inventarsi un set credibile di spanking in un grande magazzino. Eppure con la pazienza delle formichine non solo abbiamo ricreato in studio la suggestione del magazzino resi di un (possibile) punto vendita di abbigliamento femminile: non contenti abbiamo messo all'opera due modelle che sono, in assoluto, new entry nel mondo della fotografia SM/BDSM e ci abbiamo ricavato un set niente male.

Come dire che il lavoro di squadra paga, alla fine.

Con l'uscita di un articolo di Paul Stoves sullo spanking in terra di Germania (Deutschland Deutschland) si è andati avanti con la geo-storia dei mappamondi in fiamme, supportata da pregevoli (che dico pregevoli, di più!) foto d'epoca.

Nel frattempo abbiamo ricevuto ed impaginato l'articolo di presentazione a lungo atteso (ragazzo impegnato) di Retif. Così e degnamente abbiamo inaugurato anche la sezione dedicata agli amanti dei piedi. Come al solito sollecitando l'autore a raccontare di sé e della sua storia personale, del suo modo di vivere la sua passione, delle sue esperienze. Il risultato, mescolato con qualche scatto eseguito nel passato durante qualche sessione di feet di cui Retif è stato protagonista, non è malaccio. Insomma, non è detto che amare i piedi delle donne debba per forza significare che, poi, ogni cosa, la si fa con i piedi ... o no?

Infine abbiamo ottenuto anche le presentazioni personali di Tsuki e di Altex che hanno dato vita e un po' di brio alla rubrica Latex Gloves.

In fondo un mesetto impegnativo che si è conluso sabato 30/11 con la serie di foto postprodotte della nostra modella fetish/bdsm del mese, Mother Mary, impegnata in una scena di shibari (ropes Mauro Lacqua)

Non possiamo, infine ma non per ultimo, dimenticare che il 25 novembre appena trascorso si è ampiamente e con vasta eco mondiale celebrata la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne del corrente AD 2019 (!! 2019 non 819 !!).

Questo tema è, per noi praticanti SM/BDSM, centrale e importante data la delicatezza dei meccanismi psicologici che le nostre pratiche vanno a toccare, a volte profondamente. La vigilanza sul proprio operato, sulle proprie scelte, sul modo d'interagire non può prescindere dal continuo e attento controllo sulle nostre azioni e sulle conseguenze di tali azioni. E questo vale sia per chi si prende la responsabilità di assumere un ruolo dominante sia per chi si prende il rischio di assumere un ruolo sottomesso.

La violenza, come tale, è già insopportabile quando a subirla è un uomo, diviene intollerabile ed esecrabile, soprattutto in questo periodo di rigurgiti culturali piuttosto proccupanti, quando segue l'odioso fine di annichilire moralmente e fisicamente una donna.

Su questo tema avremo modo di tornare spesso nei prossimi editoriali perché oggi più che mai è necessario, vitale, determinante, segnare una linea netta, senza ambiguità o tentennamenti, senza distinguo o sofismi, tra quello che è un piacere condiviso, una consapevole ricerca della felicità lungo un percorso di consensuale appagamento e quello che è, per contro, l'abominio della prevaricazione e della violenza. Non una linea tracciata a "sofismi": una linea operativa, oggettiva, invalicabile, tracciata con concetti chiari ed inequivocabili, atteggiamenti e comportamenti coerenti, assunzione etica, morale e legale delle proprie responsabilità. In poche parole un confine segnato con un muro di cemento armato tra noi e chi, usando ed abusando delle parole d'ordine e delle suggestioni del nostro mondo, vorrebbe camuffarsi, intrufolarsi e deporre - come il cuculo - il suo uovo malato nel nostro nido.

Questo detto vi rinnovo i miei migliori auguri di buon divertimento e vi saluto perché, a parte tutto, s'è pure fatta una certa ;-)

Top News

Musica e altre perversioni

ckc ohm thUn rombo come di tuono precede ogni terremoto. Sono le onde meccaniche del sisma che, arrivando in superficie, si trasformano nell'aria, in onde sonore. Quindi nessuna scoperta particolare, tutte cose ultranote, tanto che i sismologi a volte "ascoltano" i terremoti trasformando le registrazioni raw degli eventi sismici in suono digitale. Quello che i sismologi non hanno pensato di fare è il percorso inverso: trasformare il suono in vibrazione.

Poco male, non ha grande utilità pratica per capire i terremoti che già sono, di per sé vibrazioni, in suono e poi di nuovo in vibrazione. Nessuna utilità pratica per loro, ovviamente. Per una coppia di statunitensi piuttosto inquieta, Suki e Brain Dunham, invece l'idea si è rivelata una vera gallina dalle uova d'oro, sia per il letto sia per la banca. Il loro letto, il loro conto in banca.

E già che di uova si parla, l'idea è il classico uovo di Colombo: usare le onde che generano la musichetta che si ascolta con l'ipod in vibrazioni per un sex toy. Quindi toni, timbri, volumi e ritmi diventano stimolazioni vaginali e clitoridee che seguono, senza alcun controllo da parte della signora interessata, uno schema che passa da una metrica musicale ad una metrica del piacere, intensificando, velocizzando, diminuendo, aumentando a seconda del rullato di tamburo o dell'acuto di soprano.

Tutto fa piacere, quindi, dalle sonate per pianoforte alla tecno i gusti musicali si possono trasmutare in gusti vaginali. Se riuscite a pensare a qualcosa di più potente per avvicinare le persone alla musica fatemelo sapere, vi propongo per il premio Nobel.

Come sarebbe buono e giusto proporre Suki e Brain per lo stesso premio. Già da oggi.

Quindi, riassumiamo: musica trasformata in vibrazione per un sex toy. Ci aggiungiamo che può interfacciarsi con una playlist sul cellulare o in streaming con Spotify (ma si deve essere utenti premium) e che può essere comandato in remoto anche attraverso internet. 

Strumento perfetto per le camgirl che sono, ad oggi, le maggiori acquirenti. E che hanno incrementato, soprattutto in periodo di lockdown, il consumo dell'oggettino.

Ma anche per noi perversi sadomasocari ci sono interessanti prospettive.

Fate girare un pochino la fantasia: bondage e ohmIbod ad esempio. Ad esempio.

Ma è solo un esempio ...

Precum - Un racconto di Caliban

thumbnailUna doverosa introduzione dell'Editore. E' impossibile o quasi classificare correttamente Caliban se non lo si conosce personalmente, e pure da parecchi anni. I suoi racconti sono, a volte sconcertanti e visionari, scorci di incubi sessuali spontanei più che barocche fantasie onanistiche. Con lui si rigenera,  senza soluzione di continuità, quel filone disturbante ed eroto-filosofico che fu di De Sade, Apollinaire, Bataille e, in estremo oriente, di Tetsuo Amano e il suo Kachikujin yapū, il bestiame umano - pubblicato a puntate a partire dal 1956 proprio sulla rivista giapponese Kitan Club dalla quale abbiamo tratto ispirazione per questo magazine.
Forti i dubbi sull'opportunità di pubblicare i suoi racconti anche in questo contesto, forti le perplessità di cui anche lui è al corrente ma inutile chiedere di "limitare i danni" con autocensure. Non lo farebbe neanche se ad imporglierlo fosse la Mistress delle Mistress dei suoi sogni; paradossalmente un sub con inquietanti tendenze alla castrazione non è, in alcun modo, castrabile dal punto di vista intellettuale e creativo.

Leggi tutto...

Ultimo Lunedì - A tutti

a tuttiQuando avevo mandato il lontano 27 gennaio di questo sciagurato anno quella breve comunicazione a tutti gli iscritti alla mailing list dell’ULTIMO LUNEDI mai avrei immaginato.
Mai nessuno di noi avrebbe immaginato.
Eppure!

Il “resistere, resistere, resistere” è più che mai giusto pensarlo, dirlo, gridarlo. Solo quando sarà possibile vedersi, ci vedremo. E nemmeno 1 minuto prima.
Sarà un riprenderci il nostro vitale spazio di salutare divertimento fatto di gioco, ma soprattutto di belle relazioni tra persone accomunate da una stessa visione della propria sessualità.

A chi di noi dovesse essere per professione in prima linea, va il mio – e parlando a nome di tutti, il nostro - più forte senso di gratitudine, di ammirazione, di riconoscenza.

A presto con tutto il cuore e tutta la speranza,

Fulvio Brumatti

bondingMistress May ha un account su Twitter ma non accetta clienti. Sotto il post, unico, del trailer della serie (22/04/2019) ci sono una ventina di commenti, per lo più di prodomme statunitensi le quali protestano per varie ragioni e che, protestando, si fanno un pochino di pubblicità-progresso. Altro non c'è, per fortuna! Bonding è una serie di Netflix (7 episodi di 15 minuti ciascuno) che non mi sarebbe neanche passata per lo schermo se non avesse suscitato perfino l'interesse di "Rolling Stone", la rivistona che oltre ad occuparsi di musica ha la pretesa di pubblicare anche articoli di lifestyle e mainstream.

La quale rivistona il 5 maggio (data memorabile per ben altra lirica) del 2019, a soli undici giorni dall'uscita della serie, pubblica un articolone (sic!) dal titolo 'Le dominatrici si sono incazzate per la serie Bonding di Netflix' al quale non segue, ahimé, un "ecchissenefrega" e chiuso lì ma una dotta dissertazione con palesi errori di traduzione e dotte citazioni di sex worker(s) con sottotitolo "Lo show che racconta le avventure di una sex worker di New York è un'orgia di inesattezze, secondo chi questo lavoro lo fa sul serio". Che il prodomming sia un "lavoro" e si possa farlo "sul serio" è opinione di Rolling Stone, non mia, sia chiaro!

E via a parlare di moquette non igieniche nelle "prigioni" (pessima traduzione di dungeon la cui corretta traduzione è "segrete"), di mancanza di negoziazione tra clienti e protagonisti e quindi con difetto di consenso, di una visione fallata del mondo delle sex worker specializzate in dominazione a pagamento, del personaggio di Tiff (Mistress May) che avrebbe subito violenze da piccola e quindi sarebbe una dom per traumi secondo stereotipi, etc, etc.

Insomma, non Rolling Stone ma le prodomme stroncano la serie come imprecisa, dannosa per le sex worker(s) e tale da disegnare un'immagine distorta del mondo BDSM, Rolling Stone semplicemente dà voce alla giusta indignazione delle prodomme e, secondo un politically correct che vuole tutti quelli che fanno cose alternative come categorie protette, in qualche modo si fa cassa di risonanza  dell'indiganzione di una specie in via d'estinzione. Ovviamente senza nulla conoscere del mondo BDSM e senza aggiungere nessun controcanto, nessuna propria considerazione.

Quanto basta ed avanza per incuriosire anche un pigro congentito come il sottoscritto e spingerlo a guardare, per due volte, la famigerata e terribile serie. Il problema sostanziale è che il sottoscritto, al contrario di Rolling Stone, non è politically correct e non è vincolato dalla mission di dare voce a tutti i cahiers de doléances di tutte le lavoratrici marginali ed evasori fiscali totali dell'Universo.

Il più grave difetto di Bonding è, invece, quello di presentare esattamente la maggior parte del mondo prodomme del XXI secolo e se gli autori di Rolling Stone, prima di scrivere a vanvera citando prodomme d'oltre Oceano si fossero presi la briga di leggere qualche inserzione sui siti specializzati si sarebbero resi conto che, al paragone, Mistress May è un cammeo di correttezza e sensibilità, che Netflix ha sì distorto un poco la realtà ma nello sforzo, immane, di migliorarla.

bonding 01

Mistress May non si presenta come "donna violentata" o traumatizzata ma come "donna che ha avuto frequentazioni maschili sbagliate", aggiungendo poi che questa è la vita o che capita a tutte o qualcosa del genere. La negoziazione del consenso si ferma ad una safeword (e già siamo bel oltre quello che molte prodomme fanno nella realtà) e non può essere diversamente perché il cliente paga per le pratiche che a lui piacciono e non certo viceversa; il consenso è materia etico-giuridica molto complessa ma a me nessun ferramenta ha chiesto il consenso durante l'acquisto di un martello: sarebbe per lo meno buffo se alla mia richiesta "vorrei un martello da falegname" il ferramenta mi chiedesse "sei consapevole dei rischi che corri? Davvero vuoi acconsentire a portarti a casa uno strumento che potrebbe colpirti il pollice in modo tale da farti, perfino, saltare un'unghia?"

Irrealistico come è irrealistico il putiferio d'indignazione su una serie che ha come centro di gravità NON l'attività di Mistress May ma la visione stranita e ingenua del suo ex fidanzato, gay e innamorato, del suo spasimante che alla fine si fa legare (in un'aula di università) e commenta che, così insalamato, ha potuto dimenticarsi delle sue ansie da performance, del mondo al di fuori del BDSM che quando viene a contatto di questa realtà in modo corretto, leggendo la persona prima del personaggio alza la mano per farsi legare, come succede nell'aula universitaria verso la fine della serie, ultimo episodio.

bonding 03

images 3Quello che ci racconta Bonding è un mondo attuale, realistico anche se non reale, dove (alla maniera americana) alla fine prevalgono i buoni sentimenti. Se critica può essere fatta a questa serie leggera e gradevole è proprio quella di "normalizzare" allo standard statunitense una realtà generalmente meno rosea, almeno in Italia o nella provincia americana stessa. New York è la "Grande Mela" dove la gente va a vedere i film di Woody Allen mentre ad Huston difficilmente proietterebbero qualcosa di più impegnato di Rambo: quello che a New York può essere normalizzato e metabolizzato non può esserlo, non così facilmente, a Seattle, contea di King, o a Fossano, provincia di Cuneo.

Alla fine della prima serie Tiff (MIstress May) non rinuncia platealmente al suo introito da prodomme e il suo amico e coprotagonista non rinuncia al suo 50% in impresa, per fortuna. Buoni sentimenti sì ma non esageriamo nel normalizzare. E' questo che di Bonding mi è piaciuto di più. Al contrario del pippone psicosociale di Secretary e del melenso, insulso e non credibile "Cinquanta sfumature di qualche colore a scelta" non si compiace dei suoi protagonisti ma li dota di una loro individualità e poi li fa agire in relazione a questa, all'ambiente, al costume attuale, senza recedere o concedere un "happy end di redenzione" a qualcosa che non necessita di alcuna redenzione.

Intrecciata alla storia di Mistress May c'è anche la storia del suo "assistente" gay e la sua neonata relazione con il suo nuovo compagno, la coppia di "middle class" americana in cui lui nero e lei bianca si trovano, alla fine, in una relazione Dom/sub in cui lei è parte attiva. Ci sono tante storie dentro la "non storia" di Tiff che, in fondo, svolge un servizio di qualità medio-alta per mantenersi agli studi e la cui vera storia è avanti e dietro di lei, nel passato di "fuggitiva" e nel futuro di "persona autodeterminata".

E' episodico e casuale che il tutto sia inserito in un contesto di sex working, lo è perchè, a quanto pare, l'autore ha preso spunto da un episodio reale della sua vita. Se Tiff fosse una mistress per passione il nocciolo non cambierebbe.

Il nocciolo è, questo non è piaciuto a mio parere alle prodomme e a Rolling Stones, che il SM/BDSM non è più materia di middle class, di mister Gray (sia in versione avvocato sia in versione magnate dell'industria) ma è diventato proprietà degli "sfigati", dei marginali in attesa di meglio, del proletariato che deve coabitare per tirare avanti, di quel popolo minuto e un poco antipatico che fa i conti con la bolletta della luce. Non c'è più bisogno di essere gli inquilini dei piani alti per fare sadomaso spicciolo, si può comprare un vestito da pingunino su Amazon e poi giocare alla lotta dei pinguini con spanking finale senza essere l'avvocato di punta della City. Si può fare la mistress a pagamento anche senza sapere tutto sulla "psicologia" della sottomissione perché, semplicemente, non c'è una psicologia della sottomissione, esistono desideri sessuali e questi sono comuni a tutti, democraticamente distribuiti a tutti e accessibili a tutti, a pagamento o meno.

bonding 04

Questo abbassa di brutto le tariffe che le prodomme possono richiedere ai clienti e una serie che suggerisce una via per arrotondare senza troppa fatica a potenziali milioni di concorrenti non è sicuramente gradita. Questo toglie alle prodomme quell'aura di personaggio "femme fatale" e le riporta all'umanità della ragazza seduta sul cesso a contare quanti soldi mancano per pagare la rata del college.

bonding 05Può non piacere la recitazione (a me è piaciuta) o le scene di sadomaso fin troppo soft, possono dare fastidio i baci lingua in bocca dei personaggi gay (a me non hanno fatto né caldo né freddo) o può non piacere la normalizzazione della prostituzione (così si traduce in italiano sex worker) che Tiff cavalca senza remore morali (finalmente) ma nessuno dei difetti ascritti dalle incazzate sex worker(s) alla serie è reale o realistico e Rolling Stone dovrebbe prima documentarsi in merito chiedendo lumi, possibilmente, non agli osti (per i quali il proprio vino è il migliore) ma ai clienti che hanno provato quel vino e, forse, qualcosa in più ne sanno.

Che dire di più? Che non sento l'esigenza sfrenata di una seconda serie ma se verrà la guarderò volentieri. Senza infamia, senza lode, divertente, leggero, con suggerimenti più o meno palesi per il BDSM ma, come al solito, quando il BDSM arriva al mainstream non è più BDSM, è una sua fantasiosa rappresentazione. Anche se, questa volta, il gap tra fantasia e realtà è, per fortuna, notevolmente ridotto.

 

 

PREVIEW MONTHLY ACTION SET

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
Micole & Tesla
Micole & Tesla
Micole & Tesla
Micole & Tesla
Micole & Tesla
Micole & Tesla
Micole & Tesla
Micole & Tesla
Micole & Tesla
Micole & Tesla
Micole & Tesla
Micole & Tesla

PREVIEW LAST MONTH'S ACTION SET

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka

 
X

!Tasto destro e funzione copia disabilitati!

Questo sito è fruibile grauitamente solo in lettura. I contenuti scaricabili sono raccolti in area archivio.