Sottotitolo Fetish, Bondage e Guerra Fredda. La fotografia è un accessorio fondamentale del mio lavoro e, in particolare, la fotografia naturalistica, scientifica e tecnica è parte irrinunciabile della mia attività professionale: in trenta e rotti anni, ho scattato più foto di quante se ne riesca a contare in una giornata. Ora la fotografia è diventata anche lo strumento per raccontare storie del mondo kinky e per creare un progetto fotografico, una rilettura attualizzata del periodo "focale" dal quale tutto quello che si fa nel fetish/kinky ad oggi è partito: i bizzarri anni '50.

Set dopo set, shooting dopo shooting, vi racconterò dei quegli anni e vivremo insieme le atmosfere della New York di Bettie Page e Paula Klaw, le meravigliose foto di Holly Faram ma non solo, anche del Giappone con il suo Kitan Club e del legame culturale di questa rivista con il magazine Bizarre di John Willie dal quale il progetto si avvia e prende, doverosamente, il titolo.

Una sola premessa, anch'essa doverosa. Non sono uno storico quindi non ho gli strumenti storici per analizzare in modo filologico la marea di documenti reperibili ovunque. Ma non sono neanche uno sprovveduto copiatore di testi online. Ogni riferimento storico ha, nel saggio che ne sta nascendo, un testo e un autore di riferimento. Ma, soprattutto, ogni mito sulla ipotizzata supremazia di una o altra sponda del Pacifico (USA e Giappone, per intendersi) nella creazione del mondo kinky di allora (e attuale) viene sostanzialmente e appositamente ignorato. E' storia comprovata e documentata che il Kitan Club giapponese e il Bizarre statunitense hanno avuto negli anni '50 non poche collaborazioni, anche senza l'ausilio degli attuali mezzi informatici. Fotografie, disegni, testi contrabbandati nei doppi fondi dei camion militari USA, scambi epistolari, traduttori puntuali e precisi all'opera hanno permesso un fiorire di collaborazioni e di scambi tra le due riviste tanto che se paragonati ad oggi, dati i mezzi che la tecnologia informatica ci consente di utilizzare, quegli anni erano ancora più ricchi di relazioni di quelli che stiamo vivendo. Per alcuni sarà una sorpresa, per altri un motivo di cocente disappunto ma i fatti sono fatti anche quando contraddicono le opinioni personali. Questo è quanto e da qui, mentre il progetto evolverà e si porterà a conclusione vi terrò informati sul suo stato di salute quindi: stay tuned, questo è un [Articolo in costruzione]

Credit: Modella Mother Mary, © Maurizio Salinas - Aprile 2019

 

 

X

!Tasto destro e funzione copia disabilitati!

Questo sito è fruibile grauitamente solo in lettura. I contenuti scaricabili sono raccolti in area archivio.