Preview Monthly Model

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
Aiko
Aiko
Aiko
Aiko
Aiko
Aiko
Aiko
Aiko
Aiko
Aiko

Preview Last month's model

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子
愛子

From the Editor's Dungeon

Lo strano caso del Dr. Jekyll e Mr. Hyde

Ogni mese un set diverso e una modella fetish diversa, questa era (e resta) la promessa. Ma settembre, questo settembre, abbiamo dilazionato un pochino l'uscita dei nuovi set, ora finalmente online. La ragione è semplice quanto "imbarazzante". La realizzazione del sito, la cui piattaforma informatica sta crescendo di pari passo con l'arrivo dei contenuti e delle osservazioni dei beta-tester, ci ha un pochino rallentato.

Ma c'è un altro motivo per il ritardo, questo tutto interno all'ambiente, la cosiddetta community SM/BDSM. I set fotografici di rope bondage, in ogni sua declinazione, ormai sono più frequenti delle piogge sul Lago Maggiore. I monthly set avranno spesso come argomento anche il rope bondage ma, pur nascendo il cKC e il magazine Club & Kitan Club da un'esperienza di bondage, ci siamo un pochino annoiati di guardare (e proporre) fotografie di belle ragazze legate, sospese, meditative, imbozzolate. Ad onor di vero avrei intitolato questo editoriale "Che barba, che noia" o "Venghino signori, il circo è aperto" in polemica con il sentiment generale per cui il BDSM viene ridotto alla sola "B" che poi, spesso, non è neanche bondage ma rope art, al massimo rope fetish. Niente da eccepire, per carità, la moda è moda, i trend sono trend e chi si diverte è bene lo faccia come vuole e quando vuole. Ma questo pone, a noi della redazione, un problema di non facile soluzione: mentre nella community si trovano a manate modelle disposte, anelanti e scalpitanti per un servizio fotografico di "bondage", magari eseguito con un rigger di spicco, le modelle fetish e SM scarseggiano adesso come scarseggiavano nel 1950, anzi peggio.
Poche persone della "community BDSM" hanno la tempra ed il fisico, oltre che la naturale capacità, per confrontarsi con tematiche fetish e SM in uno shooting fotografico senza ricorrere al sostegno psicologico modaiolo e pseudo-artistico di corde e sospensioni. Abbiamo sottomano un esercito di "vorrei ma non posso" anelante alla platea di un set fotografico ma timorose di "sembrare troppo sub", una sorta di marchio di caino che potrebbe rovinare la gloriosa carriera di modelle di bondage pure e caste. Quindi "sì se è circo e no se è sadomaso" anche se, poi, alle feste, nei party, nei munch, nella loro stessa narrazione di se stesse, il sadomaso e la sottomissione sessuale, sono motivi dominanti, quasi ossessivi. Un doppio binario in cui, liberate dal capestro della normalità, ci si relega ad una diversa, ma non più morbida, morale per la quale essere "fotografate mentre vengono frustate o sculacciate" fa male alla loro immagine. Uno status sociale parallelo e divisivo che fa del rope bondage una sorta di mondo a parte, purificato, distillato e disinfettato da ogni accenno alla radice stessa del bondage: il Dr. Jekyll in camice bianco, perbenista e affabile in cui alberga un Mr. Hyde, inaccessibile anche ove, a parole, si dichiara libertà sessuale e apertura mentale. Molte di più, per contro, sono le modelle provenienti da subculture diverse, da community dark e goth ad esempio, o semplicemente interessate al sadomaso ma non "arruolate" e non "arruolabili" in questo o quel gruppo di cordaroli che sono arrivate sui nostri set e ci hanno fornito, in meno di sei mesi di attività, più di due anni di monthly set. Se ce ne fosse stata la necessità questa sarebbe la prova provata che il SM/BDSM sta più fuori che dentro la community che pretende di rappresentarlo. Abbiamo materiale fotografico a carrettate ma, purtroppo, ben poco ci viene dalla nostra stessa community, dalle persone che potrebbero riconoscersi e riconoscere in quegli scatti un anelito di "scena reale".

Fatto è che la pratica del rope bondage ha perso nel tempo il suo significato più pertinente (in occidente come in oriente) e collegato a dinamiche sm/ds per assume un generico senso di "gioco con le corde", nel quale, al massimo, far entrare un pizzico di erotismo casereccio, qualcosa di postabile su Facebook ed Instagram senza rischiare la censura, qualcosa che anche mamma e papà possono guardare senza turbarsi eccessivamente; ancora una volta quando una pratica SM/BDSM arriva al mainstream, ai social network, si scopre che non è più SM/BDSM ma la sua rappresentazione simbolica, una metafora, al massimo, o una performance edulcorata, se va bene.

Lontani i tempi in cui Akechi Denki, il padre del kinbaku o bondage giapponese, diceva "ho proposto uno show che facesse vedere cose vere". Ad oggi lo show dello shibari/kinbaku, del bondage in generale, fa vedere solo una faccia "presentabile" e "rappresentabile" del mondo del rope bondage, quella più "vendibile": la parte che non ci coinvolge particolarmente. Non siamo interessati a spericolate sospensioni sotto i ponti autostradali, non più di quanto siamo interessati al bungee jumping. Non siamo interessati a fanciulle legate ed appese, non più di quanto siamo interessati ad una visita guidata nella cantina di un salumificio. E' nostro dovere avvertirvi che dove il bondage non mostra il suo lato emotivo, la sofferenza, la dominazione e la sottomissione, non ci appassiona. Faremo una fatica immensa nel trovare soggetti interessanti e, forse, ritarderemo di qualche giorno, l'aggiornamento mensile della homepage del sito ma la linea è questa e questa è la nostra cultura. Per il resto, e come al solito, buon divertimento!

[Credit foto di apertura: Model Batory, Ropes & Ph Maurice Poison]

Top News

La carica dei 101

carica 101E' il titolo di un notissimo film d'animazione nel quale una crudele ed impellicciata signora tenta di raccogliere a fini di pelletteria 101 cuccioli di dalmata per trasformarli in un caldo pastrano. Noi di Cucciolino ne avevamo solo uno e nessuno ha cercato di farlo diventare una pelliccia per mistress, anzi, è stato coccolato, ha raccolto grattini sul pancino e s'è fatto il suo giretto al guinzaglio tra gli amici dell'Ultimo Lunedì.
Quindi 101 alla carica, nell'edizione settembrina del play party più datato d'Europa, di cui un solo Cucciolino; 101 persone hanno varcato il gate del locale per partecipare con la loro presenza, giocando o chiacchierando o facendo entrambe le cose come è tradizione dell'Ultimo Lunedì dove si viene per fare salotto, anche, per giocare, anche, per ritrovare amici e atmosfere speciali, anche, ma soprattutto si viene per chiudere fuori la quotidianità ed immergersi in un mondo sadomaso ben reale ove le chiacchiere oziose dei social sono spazzate via in un attimo, ove la realtà delle nostre pratiche cancella in un solo secondo infinite ed inutili righe di teorica dabbedaggine.

Leggi tutto...

Happy Birthday SSC

th calvatoIMG 63261Forse non tutti lo sanno ma lo scorso agosto (per essere esatti il giorno 21 agosto 2019) il SSC ha compiuto trentasei (trentasei!!) anni. In poche parole non può più partecipare ai TNG.

Mi sarei volentieri lasciato alle spalle questa data senza segnalarvela se la scena attuale - sempre più ampia e più partecipata ma sempre meno attenta ai pilastri etici del sadomaso - non riproponesse ancora, a distanza di trentasei (!!) anni situazioni, personaggi e gruppi che più di trentasei (!!) anni fa portarono alla necessità di tirare una bella linea, dritta e affilata, tra ciò che era (è) il sadomaso (allora l'acronimo BDSM ancora non esiteva) e ciò che era (è) violenza, abuso, illegalità.

Questo trentaseiesimo compleanno da poco trascorso è quindi occasione più che ghiotta per riproporre a mia volta e appena il tempo mi ha dato il suo Consenso (...) un articolo di dieci (dieci!!) anni fa, sempre attuale e, anzi, oggi come oggi, più attuale che mai. Questo detto non mi resta che auguarvi una proficua e interessante lettura; sarà un ripasso per alcuni, per altri cose più o meno vere sentite in giro, per me e per quelli della mia generazione resta una bussola irrinunciabile nel mondo del SM/BDSM.

Leggi tutto...

Semaforo Rosso

codice rosso 2Andiamo subito al sodo. Ultimamente capita nella community SM/BDSM italiana di assistere ai tentativi di iniezione di personaggi condannati per reati attinenti lo stalking e non solo (!!) che più o meno agganciati a questo o a quell'amico si fanno portare a traino tra persone che ignorano i loro trascorsi. Un caso emblematico che in questi giorni fa ancora discutere, e molto, riguarda perfino un pregiudicato per omicidio volontario sulla sua ex (ormai anche in senso fisico) compagna.

Di un altro tentativo avvenuto qualche settimana fa, di fatto fallito, nulla si sa e quindi i social tacciono. In questo caso lo stalker si era limitato – si fa per dire – ad atti persecutori nei confronti della sua ex compagna così come acclarato nelle competenti sedi giudiziarie venete, portando a giusta condanna.

Da qui l'impressione, per chi non conosce la scena reale, che tutto l'ambiente possa essere ricettacolo di "cattive frequentazioni" e dal privato al pubblico, dai munch ai party, dai corsi e seminari ai peer rope e rope jam si rischia sempre ed ovunque d'incontrare potenziali stalker, se non peggio.

Leggi tutto...

th calvatoIMG 63261Forse non tutti lo sanno ma lo scorso agosto (per essere esatti il giorno 21 agosto 2019) il SSC ha compiuto trentasei (trentasei!!) anni. In poche parole non può più partecipare ai TNG.

Mi sarei volentieri lasciato alle spalle questa data senza segnalarvela se la scena attuale - sempre più ampia e più partecipata ma sempre meno attenta ai pilastri etici del sadomaso - non riproponesse ancora, a distanza di trentasei (!!) anni situazioni, personaggi e gruppi che più di trentasei (!!) anni fa portarono alla necessità di tirare una bella linea, dritta e affilata, tra ciò che era (è) il sadomaso (allora l'acronimo BDSM ancora non esiteva) e ciò che era (è) violenza, abuso, illegalità.

Questo trentaseiesimo compleanno da poco trascorso è quindi occasione più che ghiotta per riproporre a mia volta e appena il tempo mi ha dato il suo Consenso (...) un articolo di dieci (dieci!!) anni fa, sempre attuale e, anzi, oggi come oggi, più attuale che mai. Questo detto non mi resta che auguarvi una proficua e interessante lettura; sarà un ripasso per alcuni, per altri cose più o meno vere sentite in giro, per me e per quelli della mia generazione resta una bussola irrinunciabile nel mondo del SM/BDSM.

abstract 3166168 340

Perchè lo slogan di un'associazione gay S/M è diventato, alla fine, un "modus" operandi e lo slogan di tutto il mondo BDSM? Proviamo a ripercorrere le tappe della costruzione della frasetta secondo le stesse indicazioni che Stein ci dà in suo articolo del 2000. Tenetevi forte ... saranno fuochi artificiali!!

Mi ha fatto un po' d'impressione trovare, mentre grattavo la scorza d'internet e scartavo la crosta di leggende metropolitane, un articolo di David Stein (indicato come l'inventore dell'SSC - Sicuro Sano Consensuale) redatto nel 2000 nel quale si ripercorreva la storia del "famoso" acronimo:

GMSMA(1) is a not-for-profit organization of gay males in the New York City area who are seriously interested in safe, sane, and consensual S/M. Our purpose is to help create a more supportive S/M community for gay males, whether they desire a total lifestyle or an occasional adventure, whether they are just coming out into S/M or are long experienced.
Our regular meetings and other activities attempt to build a sense of community by exploring common feelings and concerns. We aim to raise awareness about issues of safety and responsibility, to recover elements of our tradition, and to disseminate the best available medical and technical information about S/M practices. We seek to establish a recognized political presence in the wider gay community in order to combat the revailing stereotypes and misconceptions about S/M while working with others for the common goals of gay liberation.
Agosto 1983.

13
GMSMA è un'organizzazione senza scopo di lucro di maschi gay dell'area di New York City che sono seriamente interessati nell'S/M sicuro, sano (inteso come mentalmente sano) e consensuale. Il nostro proposito è aiutare a creare una più consistente comunità S/M per maschi gay sia laddove essi desiderino un coinvolgimento totale in questo stile di vita sia laddove desiderino avventure occasionali, siano novizi dell'S/M siano in possesso di lunga esperienza.
I nostri incontri regolari e le altre attività hanno lo scopo di costruire un senso di comunità mediante l'esplorazione di comuni sentimenti e comuni argomenti d'interesse. E' nostra intenzione aumentare l'attenzione (informazione - awareness) rispetto gli argomenti di sicurezza e responsabilità, recuperare gli elementi della nostra tradizione [americana] e diffondere la migliore informazione medica e tecnica relativa alle pratiche S/M. Noi cerchiamo di stabilire una presenza politica riconoscibile nell'ambito della più ampia comunity gay con l'intenzione di combattere gli stereotipi prevalenti e gli errati pregiudizi riguardo l'S/M lavorando con gli altri per il comune risultato della liberazione dei gay.

Eccolo qui, il mitico "sicuro, sano e consensuale - SSC" alla sua prima apparizione sulla scena, in un paragrafo di uno statuto associativo (redatto fra gli altri anche da Stein) che ha espresso ben altro e ben altri concetti prima e oltre la formuletta "incriminata".

calvatoIMG 63261

Foto Calvato

Alcune volte la storia è maestra di vita o, come lo stesso Stein ci suggerisce, la storia è quello che accade mentre noi facciamo altro ... o crediamo di fare altro.

Stein ci racconta poi, e sempre nel suo articolo, come queste tre paroline siano diventete lo slogan del gruppo 'S/M-Leather-Fetish Contingent' durante una manifestazione gay del 1987 e come da qui abbia preso definitivamente il volo, aiutato dal web, verso il mondo.

Quindi non una teoria astratta ma uno statuto operativo di un'associazione gay di New York City che si presenta più al mondo dei gay "vanilla" che al mondo degli etero. Eppure ogni singola parola di questo statuto è universalmente valida per ogni praticante di qualsiasi sesso e qualsiasi orientamento sessuale.

La domanda è: perchè?

Perchè lo slogan di un'associazione gay S/M è diventato, alla fine, un "modus" operandi e lo slogan di tutto il mondo BDSM fino ad indurre alcuni a ritenerlo fin troppo opprimente o, come è capitato in Gabbia (uno dei siti storici dell'S/M italico http://www.gabbia.com ) con un articolo di Fulvio Brumatti, un falso ideologico?

Proviamo ora a ripercorrere le tappe della costruzione della frasetta secondo le stesse indicazioni che Stein ci dà nel suo articolo. Tenetevi forte ... ci saranno fuochi artificiali!!

Sì perchè quando David Stein si trovò ad elaborare, con altri associati, lo statuto c'era da introdurre il concetto di "responsabilità", "sicurezza" e "sanità mentale" (intesa come capacità di riconoscere cos'è pura fantasia da cosa è realtà) in modo che fosse immediatamente comprensibile e digeribile dall'americano medio. David allora pensò allo slogan usato dai media per esortare a "stare attenti" ai fuochi artificiali che, durante i festeggiamenti del 4 Luglio, provocano negli States tanti morti, feriti e successivi invalidi quanti ne possono provocare (in paragone) i festeggiamenti di capodanno a Napoli. Lo slogan era ... indovinate quale? Sì proprio quello, Safe & Sane. Così dallo slogan coniato per limitare gli accidenti provocati dall'uso insicuro e insano dei fuochi artificiali nasce lo slogan che da più di 36 anni regola le attività S/M nel mondo.

Quindi la prima ragione del dilagare dell'SSC negli States è stata la capacità di David Stein e dei suoi amici di collegare alla tradizione e alla comprensione culturale americana un concetto innovativo. Nessuna formalizzazione ma solo un'operazione che rasenta la Programmazione Neurolinguistica: se associ ad uno slogan già noto e condiviso dal buon senso comune un nuovo significato tutto diventa più facile, più ... tranquillizzante.

Ed era questo il motivo per cui lo slogan era stato costruito, per tranquillizzare. Oltre che ad SS c'è anche una C - Consensuale. Si scopre nell'articolo di Stein che lui stesso dubita e non ricorda se l'ha introdotta di suo o solo "corretta" nelle bozze dello statuto ma per certo ci voleva per separare le forme di S/M insane, insicure e non-consensuali da quelle sane e sicure e consensuali.

In poche parole non c'era la pretesa di dire cosa fosse o non fosse S/M in base all'SSC ma solo di dire QUALE tipo di S/M l'associazione intendeva sostenere. Al più un'operazione descrittiva ma non certo classificativa. Questa operazione classificativa lo stesso Stein la definisce "ingenua" perchè ciò che non è consensuale è di per se stesso sanzionato per legge e lo scopo non era mostrare di non essere criminali quanto dare dignità in modo tollerabile alla propria presenza nel movimento gay, lo stesso movimento che vedeva nella presenza di praticanti S/M gay un pericolo per la propria politica di liberazione ed emancipazione. Insomma tutta una cosa all'interno del movimento gay americano.

L'effetto di "tranquillante" dello slogan è però dilagato perchè, ovviamente, c'è sempre (e leggendo i vari siti e forum a tema ci si può ben rendere conto di quanto sia diffusa) da parte di tutti i neofiti la paura, l'apprensione e il dubbio che nell'S/M si annidi la follia e il rischio tangibile per la propria incolumità fisica e mentale.
Tant'è che entrando nel mondo del BDSM con tale paura e avendo in eredità dal web queste paroline magiche "SSC", diventate il salvagente per il primo tuffo, capita che poi si diventi cavalieri strenui per la salvaguardia dell'SSC (come il sottoscritto) rischiando di dimenticare quello che nel testo dello statuto del GMSMA fa da contorno non proprio secondario: responsabilità, conoscenza delle implicazioni mediche, sicurezza, informazione.

Torniamo a noi e in Italia per la chiusura del cerchio. L'acronimo SSC presenta, preso da solo, elementi di chiara ambiguità, zone grigie molto estese. E' contestato all'SSC (ma ora abbiamo capito che non potrebbe essere diversamente) il fatto di non definire in modo oggettivo né ciò che è sano né ciò che è sicuro.

In realtà questa posizione nasce da fantasiose forzature che limitano tutta la discussione ad una sigla: in poche parole è come parlare del gusto di un cibo in base al solo nome che si legge dal menù. Il BDSM/SSC prevede capacità negoziale e capacità di ragionamento, assunzione di responsabilità informata. La pratica del BDSM (o S/M) in realtà, se condotta con onestà materiale e morale, non può prescindere da pochi ma innegabili capisaldi comuni e, gratta gratta, alla fine i capisaldi sono proprio consensualità (in assenza è violenza), maggiore età (in assenza non c'è capacità negoziale), piena capacità d'intendere e di volere (come sopra con l'aggravante di non distinguere realtà tangibile da fantasia) e assenza di lesioni guaribili in più di 20 giorni. L'elemento delle lesioni guaribili in più di 20 giorni non è del tutto campato in aria, neanche come requisito interno al BDSM: pensateci un attimo, io l'ho letta così e così m'è piaciuta: oltre i 20 giorni lo Stato interviene d'ufficio quindi oltre questa soglia non sei più padrone del tuo corpo, è lo Stato che decide quindi ... non puoi negoziare ciò che non ti appartiene, anche se vorresti.

In poche parole se aggiungiamo GRADUALITA', SICUREZZA (intesa in termini pratici e pratica per pratica) e SINTONIA arriviamo ad imboccare una strada ben diversa da quello che giorno per giorno internet ed i vari siti erotografici dozzinali ci propongono. Magari meno scintillante dei fuochi artificiali del 4 Luglio ma, per certo, di gran lunga più realizzabile ed appagante.

 

PREVIEW MONTHLY ACTION SET

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka
Asuka

PREVIEW LAST MONTH'S ACTION SET

Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
Stefy & Tsuki
Stefy & Tsuki
Stefy & Tsuki
Stefy & Tsuki
Stefy & Tsuki
Stefy & Tsuki
Stefy & Tsuki
Stefy & Tsuki
Stefy & Tsuki
Stefy & Tsuki

 
X

!Tasto destro e funzione copia disabilitati!

Questo sito è fruibile grauitamente solo in lettura. I contenuti scaricabili sono raccolti in area archivio.